Tra sviluppo e stagnazione: leconomia dellEmilia-Romagna.pdf

Tra sviluppo e stagnazione: leconomia dellEmilia-Romagna

C. Conigliani (a cura di)

LEmilia-Romagna è una delle regioni più industrializzate, più aperte al commercio internazionale

BOLOGNA - A passo lento, ma pur sempre primi. L'economia dell' Emilia-Romagna nel 2005 crescerà dello 0,5 per cento, valore modesto, ma più elevato insieme al Friuli Venezia Giulia rispetto all'incremento previsto per tutte le altre regioni italiane. Il 2006 dovrebbe preludere ad una fase di moderata crescita del prodotto interno lordo, tendenza che dovrebbe protrarsi anche nei due anni Pur in un quadro ancora carente di indicatori adeguati e aggiornati in materia, appare indebolita la valutazione dell'Emilia Romagna rispetto alla sua vocazione all'innovazione: l'ultimo rapporto della Commissione europea la colloca infatti non più, com'era in precedenza, tra le regioni che vengono immediatamente dopo quelle considerate trainanti in questo campo, bensì tra i cosiddetti

7.85 MB Dimensione del file
8815102361 ISBN
Tra sviluppo e stagnazione: leconomia dellEmilia-Romagna.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.bayareabarnsandtrails.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

per quelli in via di sviluppo. Il Fondo Monetario Internazionale prevede una crescita globale al 3,9% per il 2018 e il 2019, superiore al 2% per le economie avanzate. Nel 2017 l’economia europea registra risultati decisamente migliori del previsto, spinta dalla tenuta dei Bene anche l’industria alimentare, con un aumento del fatturato del 2,9%, e l’export agroalimentare, con le vendite oltreconfine che a fine anno hanno superato 6,2 miliardi di euro (+5,1%), mentre continua il boom del biologico (+13% la superficie complessiva e +10% le aziende). È un quadro decisamente positivo quello che emerge dal Rapporto 2017 sul sistema agroalimentare dell’Emilia

avatar
Mattio Mazio

Tra sviluppo e stagnazione: l'economia dell'Emilia-Romagna è un libro di Conigliani C. (cur.) pubblicato da Il Mulino nella collana Percorsi, con argomento Emilia Romagna-Economia - ISBN: 9788815102362 Tra sviluppo e stagnazione: l'economia dell'Emilia-Romagna, Libro. Spedizione con corriere a solo 1 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Il Mulino, collana Percorsi, brossura, data pubblicazione gennaio 2005, 9788815102362.

avatar
Noels Schulzzi

DELL’EMILIA-ROMAGNA SINTESI - RAPPORTO 2007 1. Aspetti dello scenario internazionale. Crescita dei paesi emergenti, crisi dei mercati finanziari, inflazione agro-alimentare mondiale Lo scenario macroeconomico mondiale dell’anno 2007 conferma ancora una volta il ruolo ormai centrale giocato, sia nel bene che nel male, dal processo di

avatar
Jason Statham

Mi chiedono di inquadrare l’economia dell’Emilia-Romagna confrontandola con l’andamento del mondo globalizzato. Eccomi. In regione facciamo i fighetti perché pensiamo che tutti vengano a investire da noi, con Ferrari e Technogym che vanno in Borsa ma con il Pil regionale che resta piantato all’1% come un paletto d’ombrellone in riviera a Ferragosto. Comune dell’Emilia-Romagna (260,60 km2 con 196.518 ab. nel 2019, detti Parmigiani e meno comunemente Parmensi) capoluogo di provincia. La città, tagliata da E a O dalla Via Emilia e da S a N dal torrente Parma, sorge nella pianura uniforme. La parte della città posta alla destra del torrente è detta P. Nuova, quella a sinistra P. Vecchia (o Oltretorrente).

avatar
Jessica Kolhmann

Tra il 2007 e il 2016 circa 40 milioni di euro sono stati destinati allo sviluppo economico provinciale. Per cercare di arginare gli effetti della crisi sul mercato del lavoro e sul tessuto sociale, oltre 3 milioni di euro tra il 2011 e il 2016 sono stati investiti nella creazione di impresa e nel sostegno all’occupazione.