Il tabacco. Coltura e cura a fuoco nel territorio di Collesalvetti.pdf

Il tabacco. Coltura e cura a fuoco nel territorio di Collesalvetti

Clara Errico, Michele Montanelli

Sfortunatamente, oggi, domenica, 26 agosto 2020, la descrizione del libro Il tabacco. Coltura e cura a fuoco nel territorio di Collesalvetti non è disponibile su sito web. Ci scusiamo.

mune”, derivato, principalmente, dalla cultura contadina ... Le piante adoperate nella medicina popolare per uso umano e veterinario ... Parole chiave: etno- farmacobotanica, Gabbro, provincia di Livorno, Toscana. ... del comune di Collesalvetti, successivamente, nel ... di 68 specie vegetali usate nella cura e profilassi delle.

3.62 MB Dimensione del file
8883410742 ISBN
Gratis PREZZO
Il tabacco. Coltura e cura a fuoco nel territorio di Collesalvetti.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.bayareabarnsandtrails.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Elenco attività ricettive presenti nel territorio comunale. S3.8 ... Vincenzo, Suvereto e Sassetta, nell'ambito delle funzioni associate di cui alla L.R. n. ... demografica, con una dimensione assai simile a quella di Collesalvetti e di Portoferraio. ... tipologie di rischio a cura dei soggetti competenti i quali operano nel rispetto delle ...

avatar
Mattio Mazio

Tra il 1908 ed il 1960 la coltivazione e l’essiccazione del tabacco fu un’attività fortemente testimoniata nel territorio di Collesalvetti e, ad oggi, è possibile ritrovare i resti delle imponenti strutture collegate a questo mestiere. Su base cartografica e documentaria è … Il tabacco è un prodotto agricolo, ottenuto dalle foglie delle piante del genere Nicotiana.Può essere consumato, usato come insetticida come derivato nicotinico e, in forma di tartrato di nicotina, è utilizzato in alcuni farmaci e ha proprietà emetiche; più comunemente viene usato come componente base di sigarette e di sigari.. Il tabacco è stato a lungo in uso come enteogeno nelle

avatar
Noels Schulzzi

Il tabacco, prodotto dal tabacco, era considerato meno dannoso rispetto, ad esempio, al tabacco vergine e veniva prodotto in 2 tipi: tabacco da fiuto e fumo. Se prima, nel territorio dell’ex Unione Sovietica, la coltivazione e la produzione di questa cultura era stata stabilita su scala industriale, oggi questa pianta viene coltivata solo da singole imprese.

avatar
Jason Statham

Nome comune di varie specie di piante appartenenti al genere Nicotiana (in particolare di Nicotiana tabacum; v. fig.) e delle loro foglie essiccate, caratterizzate dalla presenza in ogni loro parte, fuorché nei semi, di alcaloidi, costituiti per circa il 97% da nicotina. La percentuale di questo alcaloide nelle foglie dei tabacco coltivati va dallo 0,7 al 4%, a seconda della varietà. 11) 2004 – “Il tabacco, coltura e cura a fuoco nel territorio di Collesalvetti” edito a cura del Comune di Collesalvetti, con il contributo del Monte dei Paschi di Siena, pp. 193, ed. Bandecchi e Vivaldi, Pontedera. 12)2004 – “Setteri, un insediamento livornese dai Longobardi ad oggi”.

avatar
Jessica Kolhmann

23/10/2014 · Effettivamente l'introduzione di tabacchi europei ampliò la gamma nella tabacco coltura con prodotti da foglie piccole e che richiedevano minori cure. La produzione stessa che dapprima fu prerogativa dei monaci si espanse a macchia d'olio sorsero così numerosissime realtà, suddivise tra lavoro monacale e imprenditori privati i quali assoldavano le donne per la raccolta. Per quanto riguarda la cura a fuoco, la svolgiamo in maniera classica con ceppi di grosse dimensioni di cerro e quercia di cui è ricco il nostro territorio: le varie fasi sono caratterizzate da temperature e umidità differenti che vanno ben calibrate per ottenere la corretta demolizione della clorofilla, con la comparsa dei flavonoidi, nella prima fase detta appunto ingiallimento, l