A Ovest di Caporetto: profughi e rivolte nel 1917.pdf

A Ovest di Caporetto: profughi e rivolte nel 1917

G. Favero, P. Pozzato (a cura di)

Il 1917 fu un anno decisivo non solo per il corso della guerra, ma per lintero ventesimo secolo. Se ciò vale innanzitutto in una dimensione globale, contraccolpi e riscontri importanti vi furono tanto sul piano nazionale italiano, quanto su quello locale veneto. I tanti, troppi caduti ed ancor più il numero esorbitante dei feriti e dei mutilati, nonché quello a sua volta tuttaltro che trascurabile e non meno inquietante dei prigionieri, portarono allora drammaticamente la guerra e i suoi orrori nelle case di tutti, mutandone drasticamente la percezione. La trasformazione fu paradossalmente avvertita più nelle retrovie, nelle famiglie, nelle piccole realtà locali di paese, se non di contrada, che non in linea.

6. il. 1917. l’anno della svolta. Il 1917 invece è un anno di grande importanza del conflitto, soprattutto perché rappresenta un anno chiave della Grande Guerra. È l’anno in cui avviene una Luigi Speranza Per storia d'Italia si intende, per convenzione, la storia della regione geografica italiana e dei popoli che l'hanno abitata, dotata - al di là delle molteplici differenze culturali e delle successive trasformazioni politiche - di una specifica identità che l'ha condotta nei secoli a essere riconosciuta come un unico soggetto storico.

1.99 MB Dimensione del file
8888542957 ISBN
A Ovest di Caporetto: profughi e rivolte nel 1917.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.bayareabarnsandtrails.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

pdf la guerra del secolo breve guerra mondiale un sintagma che fece la sua comparsa per la prima volta nella storia del mondo in un periodo compreso tra il 1914 Caporetto è un po'prima siamo il ventiquattro ottobre Se non sbaglio lamentarci antiquato dovrei cominciare se nel corso di una realtà e sette novembre sei sette novembre si è sentito bene tra

avatar
Mattio Mazio

Soltanto nel novembre del 1917, dopo la catastrofe di Caporetto, viene direttamente coinvolto. Il ripiegamento dell’esercito italiano sul Grappa e sul Piave obbliga l’abbandono della Valsugana. La nuova linea di resistenza si stabilizza, nel mese di dicembre, in corrispondenza dello “sbarramento” di Grottella, fra i piccoli centri di La ritirata comportò l’intasamento delle vie di comunicazione, soprattutto per quanto riguarda il passaggio dei fiumi [si veda il doc. di pag. 75s.de “I giorni e le idee”, intitolato “L’ingorgo sui ponti del fiume Tagliamento”], ed i tristi fenomeni dei profughi e del regime di occupazione, fatto di requisizioni forzate, di soprusi

avatar
Noels Schulzzi

Favero, G. (2016), Quadri, Antonio , Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, vol. 85, pp. 744-746 (ISBN 978-88-12-00032-6) URL correlato Link al documento: 10278/3685305 abstract; G. Favero (2012), Morpurgo, Emilio in G. Favero, Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani, vol. 77, pp. 176 In Germania due nomi sono associati al ricordo di Caporetto: i futuri feldmarescialli Erwin Rommel e Ferdinand Schörner si guadagnarono qui, da giovani ufficiali, l'ordine Pour le mérite. Paradossalmente, in Italia, la sconfitta del 1917 mutò la percezione della guerra.

avatar
Jason Statham

A Ovest di Caporetto: profughi e rivolte nel 1917, Bassano del Grappa, Itinera Progetti, 2018 “A OVEST DI CAPORETTO” PROFUGATO E RIVOLTE NEL 1917 Giovedì 12 ottobre 2017 ore 9.15 Museo del Risorgimento e della Resistenza Villa Guiccioli - Viale X Giugno 115 – Vicenza Programma Ore 9.20 Saluti istituzionali Igino Canale – Segretario Generale Spi Cgil Vicenza

avatar
Jessica Kolhmann

Soltanto nel novembre del 1917, dopo la catastrofe di Caporetto, viene direttamente coinvolto. Il ripiegamento dell’esercito italiano sul Grappa e sul Piave obbliga l’abbandono della Valsugana. La nuova linea di resistenza si stabilizza, nel mese di dicembre, in corrispondenza dello “sbarramento” di Grottella, fra i piccoli centri di La ritirata comportò l’intasamento delle vie di comunicazione, soprattutto per quanto riguarda il passaggio dei fiumi [si veda il doc. di pag. 75s.de “I giorni e le idee”, intitolato “L’ingorgo sui ponti del fiume Tagliamento”], ed i tristi fenomeni dei profughi e del regime di occupazione, fatto di requisizioni forzate, di soprusi